Ago

2015

Agosto

28.08.2015 - INTERVISTA A DAVID GILMOUR

 

Sul sito http://www.quotidiano.net/caff%C3%A8/pink-floyd-intervista-gilmour-1.1252658 è stata pubblicata un'intervista di Andrea Spinelli a David Gilmour riguardante la genesi del suo nuovo album.

 

HAMPTON, 28 AGOSTO 2015 - L’ASTORIA, hollywoodiana casa galleggiante che David Gilmour s’è regalato quasi trent’anni fa per trasformarla nello studio di registrazione di “A momentary lapse of reason”, l’album del ritorno dei Pink Floyd dopo la lacerante separazione da Roger Waters, beccheggia dolcemente sulle acque scure del Tamigi. Siamo ad Hampton, Middlesex, in quella che un tempo fu la residenza tra le onde del leggendario impresario Fred Karno, lo scopritore di Charlie Chaplin e Stan Laurel. E qui il chitarrista di Cambridge ci parla del nuovo album “Rattle that lock”, sul mercato dal 18 settembre in contemporanea ai concerti che lo depositano il 14 sul palco dell’Arena di Verona e il 15 su quello dell’Ippodromo del Visarno di Firenze.

 

Sua moglie Polly Samson è molto presente nel disco.

 

«Cinque testi li ha scritti lei, anche se non sempre Polly riesce a entrare completamente nella mia testa e così un paio li firmo io. A volte le liriche di mia moglie danno forma ai miei pensieri, altre raccontano semplicemente delle storie».

 

Polly dice che l’album è ispirato al “carpe diem”, al cogliere l’attimo, guardare al futuro senza ansia.

 

«Vero, anche se in parte. Al centro di queste canzoni c’è l’individuo nella sua lotta contro le tante costrizioni della vita».

 

Si capisce già dal titolo “Rattle that lock”, forza quella serratura.

 

«Con quell’espressione intendo dire: scuoti i cancelli che ti imprigionano, combatti per la tua vita, perché una porta chiusa rappresenta sempre un’oppressione».

 

Il pezzo, che richiama nel testo il secondo libro del “Paradiso perduto” di Milton, è costruito sul jingle degli annunci delle Sncf, le ferrovie francesi.

 

«La musica può nascere da qualsiasi cosa e in questo caso, effettivamente, l’idea me l’ha data il jingle delle Sncf. Ho preso l’iPhone e ho registrato l’annuncio».

 

Poi cosa è accaduto?

 

«Ho cominciato a lavorare su quelle 4 note e ne è venuto fuori un brano che suonava molto bene. Ho chiesto la liberatoria all’autore Michaël Boumendil e lui me l’ha data».

 

Dietro un altro brano, “A boat lies waiting”, si allunga il ricordo di Rick Wright, a cui lei e Nick Mason avevate dedicato pure l’ultimo album dei Pink Floyd “The endless river”.

 

«La musica l’avevo scritta molto prima che Rick ci lasciasse. Il piano di quel pezzo se ne stava infatti su un vecchio MiniDisc, inciso 18 anni fa. La datazione è abbastanza precisa perché si sentono in sottofondo i vagiti di mio figlio Gabriel che oggi è, appunto, diciottenne. A Polly quel suono ha evocato il rollio di una barca sul mare. Quel mare che Rick, da navigatore, amava più di ogni altra cosa. Inevitabile quindi che parli anche di lui».

 

Quarantaquattro anni dopo “Pink Floyd at Pompei” la cittadina campana ospita una mostra fotografica intitolata “Live@Pompei” curata da Adrian Maben, regista del film. Che cosa ricorda di allora?

 

«Amammo tutti molto esibirci all’Anfiteatro. Accettammo per divertimento e fu una gran buona scelta perché venne fuori un bel film. Certo, oggi trovo un po’ imbarazzante rivedermi com’ero allora. Ma questo è un problema mio».

 

A proposito di Pink Floyd. È finita per davvero?

 

«So che alla gente piace aggrapparsi alle cose, ma vivere di passato non fa per me e non mi alletta neppure l’idea di stadi stracolmi e interminabili calendari di concerti, voglio solo divertirmi con gli amici e il pubblico che mi ha sempre seguito. A questa età, penso di meritarmelo».

 

Oggi Gilmour vive ad Hove, a due miglia da Brighton nell’Est Sussex, in una casa di fronte al mare da 2,6 milioni di sterline, dov’è nato gran parte del nuovo repertorio; brani come “A boat lies waiting” in cui spuntano le voci di David Crosby e Graham Nash o come “Today” impreziosita dalla presenza di Mica Paris, mentre le voci della stessa “Rattle that lock” sono quelle del Liberty Choir, composto in maggioranza da ex detenuti del carcere londinese di Wandsworth, dove Charlie (il figlio dell’attuale moglie Polly Samson, adottato da Gilmour) ha scontato 4 dei 16 mesi di carcere inflitti dal tribunale per essere saltato durante una rivolta studentesca del 2011, in preda ad alcol e anfetamine, sul cenotafio che a Whitehall ricorda i caduti inglesi strappando la Union Jack dopo aver scagliato un bidone dell’immondizia contro la Jaguar del Principe Carlo e di sua moglie Camilla.

 

«In questi anni ho avuto il mio bel da fare, occupandomi anche di altre cose estranee alla musica, come crescere i figli, sopportare le prove e le tribolazioni dell’essere genitori» ammette Gilmour, che dai suoi due matrimoni ha avuto sette eredi, più Charlie. «A un certo punto della vita - conclude - bisogna darsi delle priorità e io che ho avuto una lunga, magnifica, carriera non trovo giusto, per rispetto dei miei cari, lasciarmi assorbire dal lavoro come quando ero giovane».

 

 

 

28.08.2015 - THE GATHERING STORM

Annunciata la prossima pubblicazione, prevista per l'autunno, della seconda edizione di "The Gathering Storm".

Sarà realizzata dalla Inside Insight Editions, e sarà disponibile dal 13 ottobre 2015 al costo di US$ 50.

Le pagine saranno 272, e il volume con copertina rigida avrà il cod. ISBN 9781608876785.

Preordinabile su https://insighteditions.com/product/the-gathering-storm/

 

 

 

28.08.2015 - LE GRAFICHE DI "RATTLE THAT LOCK"

 

Sul sito http://www.thecreativecorporation.com/portfolio/david-gilmour-album-cover/ è possibile scoprire le grafiche utilizzate per "Rattle That Lock" di David Gilmour.

Il progetto grafico è stato affidato a Dave Stansbie della Creative Corporation in collaborazione con Aubrey Powell dello studio Hipgnosis.

La foto di copertina mostra un paesaggio gallese fotografato per l'occasione da Rupert Truman (fotografo dei Pink Floyd e di StormStudios), realizzato tramite la sovraimpressione di 30 scatti realizzati in momenti diversi. La gabbia deriva da un modello 3D realizzato al computer, mentre i corvi sono stati ritagliati a mano uno ad uno e inseriti nell'immagine finale.

Sul sito della Creative Corporation potete ammirare tutti i contenuti grafici del box di "Rattle That Lock", compresi i bonus.

 

 

 

28.08.2015 - DAVID GILMOUR NEL BOX SET DI PAUL YOUNG

Pubblicato il 21 agosto il box set "Tomb Of Memories: The CBS Years (1982-1994)" che racchiude in 4 CD il meglio della produzione musicale di Paul Young; il cofanetto include le canzoni più famose, 3 brani inediti, alternate version e nuovi remix, esecuzioni live e peformance acustiche.

Di interesse per i fans pinkfloydiani in quanto David Gilmour è presente nel terzo CD sul brano "Heaven Can Wait (7" Mix Remastered)" e su "A Little Bit Of Love (Pt.II, Remastered)".

 

25.08.2015 - PHIL MANZANERA, M.C. ALLA "NOTTE DELLA TARANTA"

Il 22 agosto a Melpignano, in provincia di Lecce, è andata in scena l'ultima serata de "La notte della Taranta" (www.lanottedellataranta.it) che quest'anno ha visto la presenza di Phil Manzanera (ex Roxy Music, e tra pochissimo in tour con David Gilmour) nell'insolita veste di Maestro di Cerimonie.

La diciottesima edizione del popolare festival che celebra la pizzica salentina ha avuto inizio il 3 agosto, e si è conclusa con il "concertone" che ha visto la partecipazione di circa 200mila spettatori, ed è stato trasmesso anche da Rai5 e RaiRadio2.

Tra le esibizioni di maggior interesse, da segnalare la jam session alla quale hanno partecipato Phil Manzanera, Paul Simonon dei Clash, Tony Allen (batterista nigeriano che ha collaborato con Damon Albarn), la cantante colombianoa Andrea Echeverri, la violinista Anna Phoebe e il nostro Luciano Ligabue.

25.08.2015 - RASSEGNA STAMPA

Sul "Guerin Sportivo" di agosto (n.8, in copertina Kondogbia e Bacca) trovate 6 pagine con 10 foto in cui si parla del Pink Floyd Football Club; nelle edicole a € 3,90.

 

"Mojo" di ottobre (n.263, in copertina Patti Smith) esce con un esclusivo CD allegato ("David Gilmour & Friends") contenente 14 brani che vedono la presenza di David Gilmour alla chitarra (Crosby & Nash, Robert Wyatt, Steven Wilson, Ben Watt, The Orb, Pretty Things, Phil Manzanera e altri); inoltre, nel CD è presente una cover di "Here, There and Everywhere" realizzata appositamente da Gilmour per l'occasione. Con intervista all'interno, e richiamo in copertina. Info su http://www.mojo4music.com/21430/mojo-263-october-2015/

Inoltre sul sito http://www.rollingstone.it/musica/news-musica/david-gilmour-coverizza-i-beatles/2015-08-25/ potete ascoltare la cover dei Beatles realizzata da Gilmour, che ha dichiarato: "Ho sempre voluto e sognato di essere nei Beatles. Grazie a loro ho imparato a suonare la chitarra, ho imparato cos’è il ritmo. Ho imparato tutto".

 

"Classic Pop" di agosto/settembre (n.18, in copertina Freddie Mercury) si parla del Live Aid attraverso le interviste dei protagonisti a 30 anni di distanza dallo storico evento; in allegato inoltre un libretto di 28 pagine dedicate alla manifestazione ideata da Bob Geldof. Info su http://www.classicpopmag.com/2015/07/6145/

 

"Classic Rock" (n.214) dedica la copertina ai Pink Floyd, mostrati con le tute da astronauti che richiamano il "best of" dei Led Zeppelin; all'interno, 32 pagine in cui si ripercorrono le pietre miliari dei loro 50 anni di carriera, attraverso anche interviste esclusive a Norman Smith e a David Gilmour. Con allegato CD "Interstellar Overdrive" contenente 15 brani. Info su http://classicrock.teamrock.com/features/2015-08-12/classic-rock-214-on-sale-now

 

Su "Record Collector" di agosto (n.443, in copertina The Monkees) l'intera pag.19 è dedicata alla pubblicità di "Amused To Death".

 

25.08.2015 - "AMUSED TO DEATH", LE DIFFERENZE TRA I VINILI

Il sito http://www.superdeluxeedition.com/feature/spot-the-difference-amused-to-death-rival-vinyl-pressings/ pubblica un interessante approfondimento sulle differenze esistenti tra le due ristampe in vinile di "Amused To Death": quella di Sony e quella di Analogue Productions.

L'articolo è corredato da molte foto che mostrano i dettagli attraverso i quali identificare la propria versione, e comprende un Question&Answer di sicuro interesse per gli amanti del vinile.

17.08.2015 - "HOLLYWOOD VAMPIRES" CON DEPP, COOPER E PERRY

 

L'11 settembre uscirà l'omonimo primo album degli "Hollywood Vampires", inedita band formata da Johnny Depp, Alice Cooper e Joe Perry; a questo disco d'esordio partecipano inoltre artisti del calibro di Paul McCartney, Dave Grohl, Slash, Joe Walsh, Brian Johnson, Robby Krieger, ed è previsto inoltre un cameo di Christopher Lee che recita una parte (registrata poco prima della sua morte) sul brano "The Last Vampire".

Il repertorio include brani di John Lennon, Jimi Hendrix, Harry Nilsson, Who, Led Zeppelin, e anche una cover di "Another Brick In The Wall pt.2".

Il brano dei Pink Floyd vede la partecipazione di Alice Cooper e Brian Johnson alla voce, Neal Smith alla batteria, Dennis Dunaway al basso, Kip Winger e Bob Ezrin ai cori, mentre le chitarre sono affidate a Slash, Joe Perry, Johhny Depp, Tommy Henriksen e Bruce Witkin.

Bob Ezrin compare inoltre ai cori e alle tastiere in altri brani, e in qualità di co-autore delle canzoni "Raise the Dead" e "Dead Drunk Friends".

Tutto il ricavato del progetto andrà a MusiCares.

 

 

 

15.08.2015 - INTERVISTA A DAVID GILMOUR

 

Sul sito http://www.rollingstone.com/music/features/david-gilmour-on-new-solo-lp-and-why-pink-floyd-are-truly-over-20150814 trovate una intervista rilasciata da David Gilmour a Rolling Stone, nella quale parla della genesi del suo nouvo album e dà alcuni dettagli sulla band che lo accompagnerà in tour: Jon Carin e Kevin McAlea alle tastiere, Guy Pratt al basso, Phil Manzanera alla chitarra, Steve Distanislao alla batteria.

 

 

 

07.08.2015 - DETTAGLI PER LE EDIZIONI GIAPPONESI DI "RATTLE THAT LOCK"

 

Sul sito http://www.sonymusic.co.jp/artist/DavidGilmour/ sono stati diffusi i dettagli delle stampe giapponesi del nuovo disco di Gilmour.

Prevista una edizione in CD standard, una deluxe edition CD+Bluray in edizione limitata, una deluce edition CD+DVD in edizione limitata; inoltre è prevista l'edizione in vinile, ma sarà di importazione; download digitale in due versioni, normale e deluxe.

I CD sono in versione Blu-spec CD2, ossia realizzati con una tecnica simile a quella usata per i Blu-ray, dove il master viene realizzato con un laser a luce blu che risulta essere più preciso di quello a luce rossa; il master è realizzato utilizzando dei wafer simili a quelli usati per i chip, e la superficie registrabile è di un particolare polimero.

Non sono previsti bonus per queste edizioni, e non è stata annunciata al momento nessuna edizione SACD.