Apr

2016

Aprile

24.04.2016 - DAVID GILMOUR ALLA ROYAL ALBERT HALL

Sabato 24 aprile David Gilmour si è esibito in concerto alla Royal Albert Hall di Londra, nella serata conclusiva del Teenage Cancer Trust, una serie di eventi musicali che avevano lo scopo di raccogliere fondi per la lotta al cancro che ogni anno colpisce tantissimi adolescenti.

Già nel pomeriggio la Royal Albert Hall ha visto arrivare centinaia di fans, in trepidante attesa dell'inizio della serata; il pre-concerto ha dato modo a tutti di poter "assaltare" lo stand del merchandising presso il quale erano in vendita t-shirt, borse, portachiavi, gadget, e anche il libro "The Kindness" autografato da Polly Samson.

I volontari del Teenage Cancer Trust nel frattempo giravano con i secchielli per la raccolta delle donazioni, offrendo a tutti un libretto quadrato con le iniziative e le testimonianze di questa edizione 2016, nel quale troviamo due pagine dedicate a David Gilmour.

Di particolare interesse anche un poster in edizione limitata di 100 esemplari numerati, ispirato al corvo di Rattle That Lock, e disegnato per l'occasione da Pete McKee. Inoltre era in vendita una maglietta nera con riprodotta la RAH e i corvi in volo.

Dopo la presentazione dei risultati del Trust e degli obiettivi che esso si pone, è iniziato l'atteso concerto di David Gilmour.

 

La scaletta della prima parte è stata la seguente: 5am, Rattle That Lock, Faces Of Stone, Wish You Were Here, What Do You Want From Me, A Boat Lies Waiting, The Blue, Money, Us And Them, In Any Tongue, High Hopes.

Nulla di nuovo, quindi, rispetto a quanto ascoltato in precedenza; c'è stata una piccola esitazione di Phil Manzanera nell'intro di Wish You Were Here, ma per il resto tutto è filato abbastanza liscio.

Particolarmente apprezzate dal pubblico Money (con un bellissimo assolo di sax) e In Any Tongue.

La seconda parte del concerto è iniziata con la psichedelica Astronomy Domine, accompagnata dai grandiosi effetti di Mr.Screen. A seguire poi la bellissima Shine On You Crazy Diamond, e subito dopo lo schermo circolare si è trasformato nel gigantesco sole rosso di Fat Old Sun.

E' stata poi la volta di Coming Back To Life, e The Girl In The Yellow Dress; applausi anche per Today, prima del potente finale di Sorrow e Run Like Hell.

A quel punto, Gilmour e la band hanno salutato e hanno lasciato il palco; sono rientrati poco dopo, tra gli applausi, per i consueti bis: prima gli orologi di Time e la ripresa di Breathe, e per finire il momento più atteso della serata (e unica vera sorpresa): l'esecuzione di Comfortably Numb con il personale omaggio di David Gilmour a Prince, scomparso pochi giorni prima.

Al momento di partire con l'assolo di Comfortably Numb, il palco si è illuminato di rosa e Gilmour ha reinterpretato il solo di Purple Rain, con i coristi che non hanno cantato ma vocalizzato sul motivo principale; dopo un minuto circa di assolo, Gilmour ha ripreso normalmente dal solo originale di Comfortably Numb, mentre la Royal Albert Hall veniva inondata dai laser di Mr.Screen tra le ovazioni del pubblico.

Alla fine, tutti in piedi per accompagnare le note finali dell'assolo fino all'esplosione di luce finale che ha segnato il termine del concerto.

Gilmour e la band hanno quindi salutato e ringraziato tutti i circa 5.000 spettatori presenti, e hanno lasciato il palco tra gli applausi.

Complessivamente è stata una bellissima serata, organizzata per un nobile scopo, in una location unica al mondo.

Tecnicamente non è forse stata una delle migliori esibizioni di Gilmour, ma la parentesi di Purple Rain l'ha resa comunque memorabile e unica nonostante la scaletta fosse in sostanza priva di novità.

23.04.2016 - RASSEGNA STAMPA

"Classic Rock Lifestyle" n.42 presenta in copertina anche Syd Barrett; in edicola a € 5.00

 

"Mojo" di giugno (n.271) esce con una splendida copertina dedicata a Syd Barrett. La rivista è contenuta in una busta cartonata; all'interno ben 19 pagine sono riservate al fondatore dei Pink Floyd attraverso contributi della sorella Rosemary e di altri artisti, nel decimo anniversario della sua scomparsa. Completano il tutto due belle riproduzioni di due poster psichedelici dei Pink Floyd. Info su http://www.mojo4music.com/23639/mojo-271-june-2016/

 

"Vinile" è il nuovo nato della famiglia Classic Rock Italia, che esce ogni 2 mesi a cura di Sprea Editore; il primo numero (132 pagine, in vendita a € 9.90) dedica la copertina a De Andrè, e vede tra i redattori anche Maurizio Becker, Franco Brizi e Diego Coniglio. Il numero 2 sarà in edicola dal 10 giugno con uno speciale dedicato ai 45 giri italiani dei Pink Floyd.

 

"The History of Rock" , serie speciale di "Uncut", dedica il n.9 all'anno 1973 mettendo i Pink Floyd in copertina; il n.10 parla invece dell'anno 1974 con 6 pagine dedicate al Winter Tour dei Pink Floyd.

 

 

 

21.04.2016 - LA SCOMPARSA DI PRINCE

E' morto oggi Prince, al secolo Prince Roger Nelson, uno degli artisti più eclettici del mondo della musica, e già inserito da "Rolling Stone" al 27° posto nella speciale classifica Top 100 del 1994.

Lo ricordiamo con questa cover di "Purple Rain", il suo brano più famoso, qui eseguito da Tom Jones con David Gilmour alla chitarra nel 1992.

 

 

 

18.04.2016 - HEYOU SUL SITO DI BRAIN DAMAGE

 

L'ultimo numero (il 27) della nostra fanzine, appena spedito a tutti gli abbonati, è recensito sulla home page di Brain Damage (www.brain-damage.co.uk), da sempre punto di riferimento per i fans dei Pink Floyd di tutto il mondo. Un ringraziamento in particolare a Matt Johns per il suo straordinario lavoro quotidiano!

 

 

 

17.04.2016 - ECHOES FROM POMPEII, IL 23 APRILE CON ADRIAN MABEN

Sabato 23 Aprile alle ore 21.00, al Teatro Di Costanzo Mattiello a Pompei (NA), la musica dei Pink Floyd torna a risuonare con "Echoes from Pompeii", un evento che ha come protagonista assoluta la band inglese che meglio di chiunque altro ha riscritto interi capitoli di musica rock, declinata in tutte le sue forme.

A farsi promotrice della serata, la neonata Associazione Live At Pompeii che, col patrocinio del comune di Pompei, della regione Campania e con il supporto dello studio legale Romano, main sponsor dell’evento, porterà sul palco del teatro Di Costanzo Mattiello di Pompei i Pink Bricks, una delle tribute band più acclamate e apprezzate sul territorio nazionale. La band eseguirà i brani più rappresentativi dei Pink Floyd, alcuni di questi riarrangiati in chiave acustica e del tutto inedita, grazie al supporto del quartetto d'archi Harmonia, formato da musicisti campani.

 

L’evento arriva a 45 anni di distanza dal celebratissimo Live At Pompeii, il docufilm girato nell’anfiteatro degli Scavi nell'ottobre del 1971 e pubblicato nel 1974 per la regia di Adrian Maben.

Proprio Adrian Maben tornerà a Pompei in veste di presidente onorario dell'Associazione Live At Pompeii il 23 aprile in occasione dello show dei Pink Bricks, che il regista ha fortemente voluto all'inaugurazione della sua mostra fotografica sui Pink Floyd tenutasi a Pompei in corrispondenza del conferimento della cittadinanza onoraria.

 

Echoes from Pompeii sarà preceduto da una conferenza stampa all'interno del teatro, in cui la neonata associazione si presenterà al pubblico, illustrando le iniziative in cantiere per questo 2016, tutte incentrate sulla musica dei cinque inglesi.

 

I Pink Bricks portano in giro per l’Italia i grandi successi dei Pink Floyd da 8 anni, riproponendoli in maniera molto fedele. La tribute band vanta la partecipazione a due tra i più acclamati eventi della penisola dedicati a Gilmour&Co., l' Atom At Night del 2013 al Ravello Festival e l' Atom At Paestum del 2014 tenutosi all'interno del sito archeologico della città. Con le loro coinvolgenti performance live, i Pink Bricks hanno conquistato non solo il pubblico che affolla i loro concerti, ma anche sir Adrian Maben che li ha ascoltati e apprezzati il 27 Giugno 2015 ad Angri (Sa), tanto da volerli all’inaugurazione della sua mostra fotografica di Pompei.

 

L'Associazione Live At Pompeii nasce nel gennaio 2016 con lo scopo di diffondere tutto ciò che ha caratterizzato la carriera dei Pink Floyd, attraverso l'organizzazione e la realizzazione di concerti, spettacoli e mostre fotografiche. I soci fondatori sono Matteo Apuzzo, Francesco Romano, Vincenzo Tranchese, Antonello Buonocore e Alessio D'Amaro.

Per acquistare i biglietti è possibile contattare i numeri 339 64 23 306 – 338 44 97 216 – 335 83 71 815 – 3388871734 – 349 85 51 914 o recarsi allo Studio Legale Romano, via Enrico Fermi 4, Scafati (Sa) Tel. 0818504488 – 0818506328

 

Il costo del biglietto è di 15 euro.

 

Di seguito i teaser della serata:

1) https://www.youtube.com/watch?v=8RMhxUlXLS0

2) https://www.youtube.com/watch?v=2RWqiT2Py1c

 

Associazione Live At Pompeii

Official site: www.liveatpompeii.it

Facebook official page: www.facebook.com/associazioneliveatpompeii/

Twitter official page: twitter.com/AssLiveAtPompei

Instagram official page: www.instagram.com/associazioneliveatpompeii/

 

Pink Bricks

Official Site: www.pinkbricks.it

Facebook official page: www.facebook.com/PinkBricks

 

 

 

17.04.2016 - WATERS AL COACHELLA FESTIVAL?

 

Secondo il Los Angeles Times, Roger Waters potrebbe essere tra i protagonisti di una edizione del Coachella Festival che si potrebbe tenere ad ottobre 2016 nella famosa location californiana. Si tratterebbe di una 3-giorni alla quale parteciperebbero anche Paul McCartney, Rolling Stones, Bob Dylan, Neil Young e gli Who.

 

 

 

17.04.2016 - RASSEGNA STAMPA

 

La rivista inglese "Classic Rock" di maggio è dedicata ai "100 Greates Album of the 70s". I Pink Floyd sono al 6° posto con "Meddle"; inoltre in regalo trovate un piccolo libretto "The History of Rock: a selection of the world's best rock writing" con il primo capitolo dedicato a "Wish You Were Here"; completa il tutto il solito CD in omaggio, e 4 sottobicchieri degli Iron Maiden. Nelle edicole specializzate a € 11.

 

Su "Record Collector" di aprile (n.452, in copertina gli Yardbirds) si segnala che il 27 ottobre a Cambridge verrà ricordato Syd Barrett a 10 anni dalla sua scomparsa e a 70 dalla sua nascita; previste manifestazioni varie tra cui un concerto tributo. Inoltre nella rivista troviamo la recensione per l'ultimo album di Andy Jackson, e nella rubrica "Most Wanted" si segnala un poster del 1970 (Atom Heart Mother tour) valutato 2.500 dollari.

 

 

 

05.04.2016 - UN LIBRO SUGLI STUDI DI REGISTRAZIONE INGLESI

Pubblicato il libro "The Great British Recording Studios" (Hal Leonard, cod.ISBN 9781458421975) scritto da Howard Massey con la prefazione di Sir George Martin (scomparso l'8 marzo scorso). In 376 pagine si raccontano aneddoti e dati tecnici dei principali studios britannici, da Abbey Road agli AIR Studios, dall'Olympic al Trident e Decca. Un'opera di sicuro interesse per i fans di Pink Floyd (presenti in copertina), Beatles, Rolling Stones, Shadows e di tutte le band che hanno fatto la storia della musica dagli anni 60 in poi.

In vendita a US$ 34,99 su http://www.halleonard.com/product/viewproduct.action?itemid=333513&

 

 

 

04.04.2016 - CIRCO MASSIMO, LA PREVENDITA GIOVEDI' ALLE 10:00

 

In attesa della prevendita per il doppio appuntamento al Circo Massimo (che partirà giovedì 7 luglio alle ore 10:00), è stato confermato che la location romana sarà allestita a teatro con posti a sedere in platea e tribuna. Ancora non è chiaro quale sarà il numero dei tagliandi in vendita, ma potrebbero essere tra i 13.000 e i 15.000.

04.04.2016 - GILMOUR A LUGLIO IN CONCERTO A ROMA

David Gilmour sarà in concerto al Circo Massimo di Roma nei giorni 2 e 3 luglio, all'interno della rassegna "Rock in Roma 2016".

L'evento è organizzato da The-Base, e i biglietti saranno in vendita dalle ore 10:00 del 7 aprile; sarà possibile acquistare un massimo di 4 biglietti per transazione, e le prevendite saranno su www.ticketone.it, www.postepayfun.it e www.rockinroma.com.

I prezzi comunicati vanno da un minimo di 60 ad un massimo di 120 euro, ai quali vanno sommati i diritti di prevendita.

Restano tuttora disponibili anche i biglietti per gli show di Pompei, mentre per l'arena di Verona si è registrato il sold out pressoché immediato.

 

 

 

04.04.2016 - RASSEGNA STAMPA

Su "PROG" di marzo (n.64, in copertina Phil Collins) trovate un'intervista ad Alan Parsons nella quale il musicista e ingegnere del suono parla anche di Abbey Road e di Pink Floyd. Con richiamo in copertina; nelle edicole specializzate a € 13,60.

 

Sulla rivista francese "Jukebox Magazine" di aprile (n.352) recensione per il libro "The Great British Recording Studios" con citazione per i Pink Floyd.

 

"Buscadero" di aprile (n.388) nello spazio dedicato ai prossimi concerti cita testualmente: "David Gilmour con band, sarà a Pompei per due date dal vivo che si terranno il prossimo 7 e 8 luglio. Ci si perdoni la battuta, ma vista la location i biglietti (300 €) sono cari come il fuoco".

 

"RaroPiù" di aprile (n.34, in copertina Battiato) nella rubrica "Rare on line" cita "The Piper At The Gates Of Dawn" nell'edizione italiana del 1971 con copertina raffigurante i Pink Floyd (nella formazione con Gilmour) davanti alla Palm House ai Kew Gardens; è stato venduto all'asta, dopo 25 puntate, per ben € 906,02.

 

 

 

04.04.2016 - GILMOUR, RIPRESO IL TOUR NORDAMERICANO

 

Il 25 e 26 marzo David Gilmour ha suonato all'Hollywood Bowl di Los Angeles davanti a 16.000 fans accorsi per rivederlo nella fantastica location dopo 10 anni dall'ultima performance nell'anfiteatro naturale più grande al mondo, essendo tra l'altro il primo artista ad esibirsi in marzo (solitamente i concerti cominciano a maggio).

Per l'occasione, grande light show diretto magistralmente da Marc Brickman per la gioia di tutti i presenti; inoltre, nella seconda serata c'è stata l'esecuzione di "What Do You Want From Me" in sostituzione di "On An Island".

Il 28 marzo il tour si è spostato al Forum, gremito di 12.000 spettatori, per il terzo concerto nella città degli angeli.

Gilmour ha registrato inoltre una performance per il Jimmy Kimmel Live, popolare talk show che va in onda sulla ABC; Gilmour e la sua band hanno suonato Rattle That Lock, In Any Tongue, High Hopes, Wish You Were Here, e Today.

Aprile è quindi iniziato con un doppio concerto all'Air Canada Centre di Toronto; ora Gilmour si sposterà a Chicago e New York, dove chiuderà la mini tournée americana con due show al Madison Square Garden.